Featured Video Play Icon

STARZPLAY, la piattaforma streaming premium internazionale di STARZ ha rivelato tramite il trailer ufficiale che Express, la sua prima serie originale in lingua spagnola, prodotta da THE MEDIAPRO STUDIO, uscirà in anteprima il 16 gennaio. Gli abbonati in Spagna, Italia, Francia e America Latina potranno seguire in streaming nuovi episodi ogni domenica. Sono stati inoltre rilasciati il trailer e il poster, che offrono agli spettatori un assaggio di questo avvincente dramma familiare.


Creato da Iván Escobar, che è anche showrunner e scrittore insieme ad Antonio Sánchez Olivas e Martín Suárez, Express racconta la storia di una psicologa criminale, Barbara (Maggie Civantos), e della sua famiglia, vittima di un rapimento lampo: una terrificante forma di estorsione che si sta diffondendo in tutto il mondo e, nella maggior parte dei casi, finisce con un omicidio violento. Consapevoli che la paura è il più grande business del mondo, sono in molti a usarla come metodo rapido per trarre profitto. Dopo il suo rapimento, Barbara lavora come negoziatrice in casi simili al suo e il suo obiettivo principale è capire perché è stata rapita e scoprire le persone che hanno distrutto la sua vita e la sua famiglia.

Nella serie in otto episodi della durata di un’ora ciascuno troviamo anche la candidata al premio Goya Kiti Mánver (El Inconveniente, Donne sull’orlo di una crisi di nervi), Vicente Romero (Malaka, Cella 211) Loreto Mauleón (Patria), Esteban Meloni (Los Internacionales, Vidas robadas), Alba Planas (SKAM), Ana Marzoa (Vis a vis – Il prezzo del riscatto, Lifeline), Omar Banana (Veneno, Amor superdotado), Bernardo Flores (Women in Charge) e le giovani attrici Carmen Daza e Manuela Rojas.

I produttori esecutivi di THE MEDIAPRO STUDIO sono Laura Fdez Espeso, Javier Mendez, Javier Pons e Iván Escobar, e Mireia Acosta con Peter Tortorici per STARZPLAY.

Marcello Portolan

Koch Media presenta le uscite di Novembre 2021

Previous article

LOL: Chi ride è fuori – svelato il cast della seconda stagione

Next article

You may also like

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in News