KEBI: un rivoluzionario portale per iniziare a sognare il post Covid-19

KEBI: un rivoluzionario portale per iniziare a sognare il post Covid-19

23 Marzo, 2020 0 Di Marcello Portolan

In questi giorni di #iorestoacasa si sono moltiplicate le iniziative per rendere più piacevole la quarantena forzata, imposta dall’arrivo del Covid-19. Volti istituzionali, influencer, personaggi dello spettacolo, aziende, compagnie telefoniche, piattaforme di streaming hanno dato forma a tante trovate per sostenere moralmente e tecnicamente gli italiani.

Adesso c’è anche una possibilità in più per iniziare a sognare cosa fare alla fine di questi giorni di sacrifici. Da oggi, infatti, è online il nuovissimo sito di KEBI: il primo portale al mondo che permette di organizzare un evento in crowdsourcing e crowdfunding –  www.kebi.events

Una piattaforma che al momento rappresenta un caso unico nel settore e punta a sviluppare un nuovo “eco-sistema”, rivoluzionando il mondo dell’intrattenimento e il ruolo del pubblico. KEBI capovolge le tradizionali dinamiche dell’universo entertainment, facendo partire le richieste dal basso verso l’alto e dando così al pubblico una voce.

Un epocale cambio di prospettiva che permetterà al pubblico di attivarsi e coordinarsi per organizzare e finanziare un evento. KEBI, infatti, è pensato per aiutare i fan a riunirsi e supportare uno o più progetti, fornendo una risposta concreta e innovativa alla voglia di aggregazione e al desiderio di ascoltare/conoscere dal vivo idol, attori, personaggi pubblici, artisti, influencer, musicisti o semplicemente altre persone con interessi simili ai propri. 

Accedendo al sito web di KEBI si potrà iniziare a scoprire le molteplici opportunità offerte da questo nuovo universo e a pensare già a una speciale occasione d’incontro per quando le difficoltà socio-economiche di questi strani giorni saranno finalmente alle spalle e si potrà tornare a condividere emozioni vis-à-vis. Già ai nastri di partenza tre progetti che puntano a portare in Italia gli attori Millie Bobby Brown (la celebre Undici di Stranger Things), Pedro Alonso (il carismatico Berlino de La Casa Di Carta) e tutta l’energia della band britannica Bring Me The Horizon.