Emerald City

Emerald city è una serie TV ispirata al celebre mondo creato dallo scrittore
L. Frank Baum . Quello del Mago di OZ è un universo già esplorato in tante altre occasioni come la pellicola del 1939 di Victor Fleming o la miniserie del 2007 Ritorno al mondo di Oz ( Tin Man in origine ) con protagonista l’attrice Zooey Deschanel . A differenza delle altre interpretazioni della serie di libri, questo show targato NBC segue i mattoni gialli in un modo differente, calandosi in atmosfere più sanguinose e dark dei suoi predecessori

Emerald City

Il risultato ottenuto da Matthew Arnold (Siberia) e Josh Friedman (La Guerra dei Mondi) è però altamente altalenante, nei 10 episodi che compongono questa prima stagione Emerald City non è mai riuscita a convincere del tutto lo spettatore. Colpa di personaggi scritti male e poco empatici – anche se non per colpa degli attori – e scelte sbagliate che spesso portano lo spettatore ad essere qualche passo più avanti degli eventi – soprattutto se conosce i libri- rovinando ogni tentativo di plot twist.

I due autori infatti hanno provato a mescolare le carte in tavola, ammodernando il materiale di partenza per renderlo più appetibile a nuovi spettatori, ma non hanno saputo resistere al richiamo di rimandi e citazioni continue

L’unico punto saldo e solido dell’intera stagione è il regista e direttore artistico, Tarsem Singh. L’impatto visivo è infatti notevole, frutto di uno studio approfondito nella creazione di paesaggi e architetture ben fatte. Buono anche il risultato della fotografia e la scelta cromatica, l’uso non esagerato della CGI è una nota positiva, ma l’insieme estetico riesce solamente a far galleggiare Emerald City, non a salvarla.

Il cast è vasto e vede fra gli altri : Adria Arjona (true detective ), Oliver Jackson-Cohen (The Raven ), Ana Ularu (Inferno), Mido Hamada(American Sniper)  e soprattutto Vincent D’onofrio (Full Metal Jacket). un insieme variegato di attori interessanti, vittime di personaggi che sono stati scritti in maniera superficiale, rovinandone il lavoro

Emerald City di sicuro era un progetto ambizioso, con una sconfinata bibliografia da cui pescare idee e ispirazioni con cui giocare, il risultato però è stato al di sotto delle aspettative, portando alla cancellazione dello show dopo solo 1 stagione

Marcello Portolan

My Generation: Un viaggio nella mitica Swinging London in compagnia del premio Oscar Sir Michael Caine

Previous article

Liberaci dal male: La recensione

Next article

You may also like

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

More in Recensioni